Intervista a Billy Meyer

billy-meier«La Terra già da milioni di anni è servita come colonia di detenzione, questo è il problema, ci sono state tante infiltrazioni, è stato un luogo di insediamento per molti extraterrestri, è sempre stato un pianeta multiculturale, una meta per l'intero universo dove è successo di tutto. Ci sono stati condizionamenti da fuori e per questo abbiamo anche gli estremismi religiosi sulla Terra, perchè ci sono stati degli extraterrestri che si sono circondati del culto e hanno promosso e costruito le religioni e i Pleiadiani sono qui già da tanto tempo, e adesso sono impegnati con Billy a promuovere questa missione.»

Eduard Billy Meyer, nato in Svizzera, nel 1937, è uno dei più famosi contattisti del mondo. Vide per la prima volta un disco volante nel 1942, in compagnia di suo padre. Da quel momento gli avvistamenti si intensificarono fino a che non si trovò ad essere protagonista di incontri ravvicinati del terzo e quarto tipo (contatti fisici e dialoghi con Esseri di altri mondi) e portatore di un messaggio affidatogli da esseri extraterrestri provenienti dalle Pleiadi. Il materiale fotografico e i filmati da lui realizzati, prova dei suoi contatti, sono tra i migliori del mondo. La figura più importante della sua esperienza è quella di Semjase, essere femminile che contribuì alla sua istruzione.

Perchè i Pleiadiani sono così preoccupati per noi e per il nostro futuro?

Perchè loro sono i nostri antenati, perchè loro si sono assunti la colpa di aver portato il male qui da noi, e tutte le brutture che esistono qui sulla Terra, e vogliono rimediare a questo portando il loro insegnamento e questo dovrebbe risanare quello che è stato fatto.

Come vivono i Pleiadiani sul loro pianeta?

E' molto diverso da qui, non c'è stress, non ci sono auto sulla strada, ci sono solo velivoli. Le costruzioni sono molto diverse da qui, o sono rotonde o sono elicoidali. Le persone lavorano, ma solo due ore al giorno. Non hanno i soldi, quelli li hanno eliminati già da tempo. E' tutto un altro mondo.

 

 

 

In questo sito utilizziamo i cookie per fini statistici, senza immagazzinare informazioni personali. Continuando la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie.